Risorse

Split Payment

La manovra correttiva (DL n.50/2017) ha introdotto novità fiscali anche in materia di split payment. Assonime, con la circolare n.18 del 25 luglio 2017 ha commentato tali modifiche precisando che l'impiego del plafond, da parte di coloro che sono tenuti ad applicare tale disciplina, determina l'esclusione della specifica operazione dal meccanismo di riscossione dello Split Payment.

novità applicazione Split Payment dal 1° luglio 2017

L’art. 1 del D.L. n. 50 del 24/04/2017 ha esteso il meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA (c.d. Split Payment) a ulteriori categorie di soggetti.

Iva sui servizi elettronici B2C

Una proposta presentata dalla Commissione UE prevede semplificazioni nell'applicazione dell'Iva sui servizi elettronici; in particolare è previsto che per i servizi fino a 10'000,00 euro annui, resi a soggetti non titolari di partita Iva, i fornitori possono applicare l'imposta del proprio Paese di stabilimento anzichè quella del Paese del cliente. La novità potrebbe entrare in vigore il 01/01/2018.

Contrasto all'evasione

E' stata sottoscritta la convenzione tra il Ministero dell'Economia e l'Agenzia delle Entrate per il contrasto all'evasione per il triennio 2017-2019. Il documento prevede il rafforzamento della collaborazione con i contribuenti mediante lettere di anomalia finalizzate all'autocorrezione, nonchè lo sviluppo della compliance con le multinazionali, della voluntary disclosure per l'emersione dei capitali e redditi non dichiarati e delle istanze di accordo preventivo per definire preventivamente le questioni più delicate ai fini fiscali.

Page 1 of 63