Risorse

Strategie difensive in caso di sanzioni privacy

In caso di violazioni in materia di privacy, il D.Lgs. n. 101/2018 ha riordinato il sistema sanzionatorio previsto. Di conseguenza, i contribuenti sanzionati possono seguire strategie difensive alternative. Tra queste vi è il tentativo di evitare una sanzione pecuniaria in favore di una misura correttiva o di ammonimento, basandosi sul principio dell’alternatività prevista dal Gdpr. Oppure, nel corso del procedimento di accertamento della violazione, i contribuenti hanno la possibilità di presentare documenti difensivi o richiedere di essere sentiti per illustrare le proprie difese entro 30 giorni. Altre possibilità possono essere date da comportamenti che mirano al ridimensionamento della responsabilità, risarcendo o indennizzando i danneggiati.

Definizione di spesa di Ricerca & Sviluppo

Il Piano nazionale Industria 4.0 ha consentito di beneficiare di incentivi per stimolare la spese in Ricerca & Sviluppo, al fine di innovare processi e prodotti e garantire la competitività futura delle imprese. Tuttavia, per fruirne è necessario che le attività si inquadrino come R&S, in tal senso la Commissione europea, con la comunicazione 2014/C198/01, ha chiarito le definizioni di ricerca fondamentale, ricerca applicata e sviluppo sperimentale. Per qualificarsi come attività di Ricerca & Sviluppo è necessario che siano presenti l’aspetto innovativo, la creatività, la non predeterminabilità dei risultati e la loro sistematicità, trasferibilità e riproducibilità.

Responsabilità penale per evasione fiscale

La Cassazione, con sentenza 30.08.2018, n. 39252, ha confermato la responsabilità penale per evasione fiscale dell’imprenditore accusato di non aver indicato in bilancio tutto il reddito prodotto nell’anno in contestazione e oggetto di verifiche, anche se l’accertamento è stato annullato in autotutela. Più in particolare, in caso di sentenza definitiva di condanna, non può essere considerata “prova nuova” in grado di vanificare il giudicato già raggiunto, il successivo annullamento dell’accertamento da parte della Pubblica Amministrazione.

Immobilizzazioni immateriali

La nuova versione dell’Oic 24 ha specificato che nell’attivo di bilancio possono trovare collocazione solo le immobilizzazioni immateriali che sono previste in modo specifico nell’art. 2424 c.c., con esclusione di qualsiasi altra fattispecie. L’appendice “A” compresa nel documento fornisce chiarimenti in merito alle tipologie di immobilizzazioni immateriali, precisando che i brevetti industriali rappresentano il diritto esclusivo, tutelato dalle norme di legge, di sfruttamento di un’invenzione.

Page 1 of 80