Risorse

Prescrizione cartelle tributarie

La Commissione tributaria regionale della Toscana, con la sentenza n. 2224/2017, ha affermato che la prescrizione delle cartelle esattoriali tributarie senza sentenza definitiva è pari a 5 anni. Anche se la cartella è ritenuta definitiva e non più impugnabile, il termine di prescrizione segue quello dell'imposta richiamata nella cartella stessa. Nel caso di sentenza definitiva, il titolo in base al quale l'Agenzia delle Entrate fa valere la propria pretesa fiscale è la sentenza di condanna, con conseguente applicabilità della prescrizione decennale.

Addizionali comunali

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito l'elenco aggiornato delle aliquote relative alle addizionali comunali da utilizzare ai fini della determinazione del saldo 2017 e dell'acconto 2018 nella dichiarazione deti redditi. La pubblicazione sostituisce il precedente elenco contenuto nelle istruzioni dei modelli Redditi PF 2018.

Avviamento e perdite fiscali

In tema di perdite fiscali, l’avviamento non costituisce un bene immateriale a sé stante, ma è una parte inseparabile dell’organizzazione dell’azienda e può essere iscritto in bilancio nell’attivo dello stato patrimoniale. L’ammortamento dell’avviamento è disciplinato sia dal Codice Civile sia dalle norme fiscali. L’Agenzia delle Entrate, con riferimento alle operazioni di conferimento d’azienda nelle quali risulti iscritto, presso la contabilità della conferente, un valore a titolo di avviamento, ha precisato che questo deve essere escluso dall’operazione di conferimento e il residuo valore fiscale deve essere dedotto dal soggetto conferente tramite prosecuzione del piano di ammortamento.

Credito agevolato per investimenti in R&S

A partire dalla data di pubblicazione dell'avviso MIUR potranno essere presentate le proposte per accedere al fondo per gli investimenti in ricerca e sviluppo. Sono stati, infatti, messi a disposizione 186 milioni di Euro che verranno concessi sotto forma di credito agevolato (strumenti di credito, equity e quasi-equity) e come contributo in conto interessi.

Page 1 of 2