Risorse

Operazioni infragruppo

La Commissione tributaria regionale Milano, con la sentenza 24.05.2018, n. 2379 ha stabilito che le operazioni infragruppo costituite dalla cessione, da parte della consociata estera, della lista clienti e di dipendenti, privi di poteri di rappresentanza, non rappresenta una cessione di ramo d’azienda, né di un compendio idoneo a produrre in via autonoma un reddito d’impresa; ne consegue che la deduzione del costo d’acquisto ammortizzato è nei limiti di 1/10 e non di 1/18.

Transfer price

Con Provvedimento 30/05/2018 l’Agenzia delle Entrate ha definito la procedura necessaria al riconoscimento delle rettifiche in diminuzione, a fronte di una variazione in aumento operata nello Stato estero con il quale è in vigore una convenzione che consenta un adeguato scambio di informazioni, per effetto della disciplina sul transfer price. La procedura richiede la presentazione di un’istanza all’Agenzia delle Entrate, indicando lo strumento giuridico per la risoluzione delle controversie internazionali di cui è richiesta l’attivazione, entro i termini previsti dallo strumento indicato, ovvero entro 3 anni per la Convenzione arbitrale o il termine previsto dalla specifica Convenzione contro le doppie imposizioni (la procedura dovrà concludersi entro 180). In caso di accoglimento dell’istanza è eliminata la doppia imposizione e si interrompe la procedura internazionale. In ogni caso, l’impresa non è obbligata a chiedere il riconoscimento della rettifica in diminuzione, potendo attivare direttamente la procedura amichevole. Con D.M. 14.05.2018 il Ministro dell’Economia ha individuato i presupposti soggettivi per l’applicazione della disciplina del transfer price, definendo il concetto di influenza dominante, nonché i metodi per la determinazione dei prezzi di trasferimento.

Page 2 of 2