Reverse charge su impianti e relative manutenzioni

Reverse charge su impianti e relative manutenzioni

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che il meccanismo dell’inversione contabile si applica alle attività di impiantistica individuate nella circolare n. 14/E/2015, nonché agli impianti, agli apparecchi e ai congegni fissi che formano parte integrante di un edificio. Resta fermo, invece, il principio che l’attività impiantistica sui beni mobili sconta il regime ordinario Iva.
Sono escluse da tale possibilità, invece, le strutture che non sono parte dell’immobile.
È consigliabile effettuare alcune verifiche preliminari sulle operazioni da sottoporre a reverse charge, tra le quali il fatto che, in presenza di un’unica operazione, uno o più elementi che la compongono abbiano natura meramente accessoria.