Possibili prossime misure per emergenza coronavirus

Possibili prossime misure per emergenza coronavirus

E' allo studio del Governo il nuovo “decreto di aprile” per far fronte all’emergenza coronavirus, che potrebbe
contenere le seguenti disposizioni:

  • il bonus affitti da estendere agli immobili a uso non abitativo, così come la possibilità di una moratoria sulle locazioni per bar, ristoranti e pizzerie;
  • la proroga e l’allungamento della cassa integrazione in deroga e del reddito di emergenza;
  • ulteriori sospensioni di adempimenti e versamenti fiscali, comprendendo anche gli avvisi bonari;
  • la possibilità di far rientrare tra i rimborsi veloci da modello 730 anche i lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dell’emergenza sanitaria.

In particolare, sarà interessata dalle nuove misure una platea potenziale di circa 18 milioni di persone. Si tratta di un incremento di oltre 2 milioni di unità, rispetto ai circa 16 milioni attualmente coinvolti dal D.L 18/2020.

La platea più consistente è rappresentata dai 9,8 milioni di potenziali beneficiari della nuova cassa integrazione d’emergenza (tra assegni ordinari e sussidi “in deroga”), con effetto retroattivo (vale a dire con decorrenza 23.02.2020) e per una durata massima di 9 settimane.

A questi lavoratori dipendenti si aggiungono i poco più di 5 milioni di autonomi, dagli stagionali del turismo, agli operai agricoli, ai professionisti privi di cassa di previdenza, ai lavoratori dello spettacolo, beneficiari del bonus di 600 euro (per il mese di marzo), destinato in aprile a salire a 800 euro, secondo gli annunci del Governo, seppur con una serie di limitazioni (che dovrebbero ridurre il numero di beneficiari).